martedì 14 giugno 2016

Strudel di mele.

Dopo aver messo in ordine le foto nel pc, dopo aver iniziato a trascrivere tutte le mie ricette nel mio nuovo ricettario, cos'altro poteva succedere? Non me lo sono chiesto, ma il rischio che succedesse qualcosa c'era: ad esempio potevo scovare una cartella di foto di ricette dimenticatissima, come è successo con quella delle foto delle vacanze del 2006; oppure potevo scoprire di avere un altro quaderno da cui prelevare ricette da trascrivere, proprio ora che l'ordine di importanza sembrava già definitivo. È successa una via di mezzo: ho ritrovato un libro dimenticatissimo da cui non devo trascrivere ricette perché sono praticamente tutte da provare: l'ordine del nuovo ricettario pertanto si mantiene e io posso variare sul tema merenda.

Ingredienti.
250 gr di farina 00
1 uovo
1 pizzico di sale
2 cucchiai di olio d'oliva
60 ml di acqua o poco più
zucchero a velo q.b.

Ingredienti per il ripieno.
Naturalmente li ho modificati, sia perché il burro, le mele e lo zucchero mi sembravano troppi (la mia versione non è per niente dolce), sia perché avevo un po' di muesli da smaltire, e i cereali e l'uvetta di cui era composto mi sono tornati utili. Alla fine del post la ricetta originale.

1 kg di mele qualsiasi (le mie sono pink-qualcosa)
100 gr di cereali tritati (o di pane grattugiato, ricetta originale)
100 gr burro fuso
80 gr di zucchero di canna
uva sultanina, cannella




Da qualche settimana, infatti, la nostra merenda è una torta al cioccolato. Ne ho provate diverse, passando dalla mia Sacher solita e da qualche pausa in forma di crostata, ma dopo aver ricevuto dal nostro fruttivendolo trentino di fiducia quattro chili di mele in omaggio, si è reso necessario passare al mio secondo gusto preferito: mele e cannella. In realtà pensavo di propinare ad Alli ogni sera risotto alle mele, ma lui, probabilmente temendo proprio questo, mi ha preceduta, buttando lì un “Ci puoi fare lo strudel.”
Ci puoi fare lo strudel??
E lo mangi anche tu?” (mi immaginavo ingolfata di strudel, infatti)
Sì, mi piacciono molto i dolci con le mele.”
Ah, potevi dirmelo prima, pensavo di doverle nascondere nel riso fino a settembre.”


Procedimento.
Mescolate gli ingredienti per la pasta, per ultima l'acqua a poco a poco, amalgamandoli bene fino ad ottenere una palla liscia e leggera (a me sembrava leggera). Tenetela mezz'ora in frigo unta d'olio e nel frattempo preparate gli altri ingredienti: tritate i cereali (o grattugiate il pane) e rosolate nel burro; scolate e tenete da parte il burro fuso; sbucciate e affettate finemente le mele, rinvigorite l'uvetta in un bicchiere d'acqua. Pesate lo zucchero e mettetevi la cannella a portata di mano. Su un tavolo stendete un telo di lino, infarinatelo e metteteci la palla di pasta: stendetela col mattarello fino a creare un rettangolo, poi prendete i lati con le mani e tirate la pasta per allargarla, partendo dal centro e procedendo verso le due estremità del rettangolo: dovete ottenere un rettangolo molto più grande e molto più sottile, quasi trasparente, ma naturalmente senza romperlo. E naturalmente io l'ho bucato in due punti, ma poco male. È stato quando sul mio libro** ho letto questo passaggio che ho deciso di non distrarmi facendo foto passo passo, e infatti è andato tutto bene.
Stendete sulla pasta un velo di burro fuso, poi uno strato di cereali che copra solo due terzi della sfoglia; a parte condite le mele con lo zucchero, l'uvetta strizzata e la cannella in quantità a piacere, e rovesciatele sullo strato di cereali. Livellate un po' come volete, poi chiudete il rotolo, aiutandovi col telo e cominciando dalla parte col ripieno, arrotolando verso la parte senza ripieno fino alla fine. Chiudete bene i lati, spennellate un po' di burro fuso su una teglia (io ho spennellato sulla la carta forno che metto sempre dentro la teglia), metteteci lo strudel e versateci sopra il resto del burro, spennellando su tutti i lati. Infornate a 200 gradi per mezz'ora, spolverizzate di zucchero a velo e servite tiepido, da solo o in compagnia di caffè, crema, panna, o quel che vi pare: io vi giuro che è buono anche solo e anche freddo.


Da tempo cerco di non conservare più ritagli con ricette, preferendo digitare sul motore di ricerca dei blog di cucina che seguo i miei desideri; ma ho qualche libro di ricette, nel cassetto*, rigorosamente regalato e sistematicamente dimenticato: internet e il mio quaderno sono molto più sicuri, perché nel quaderno ci sono ricette già collaudate e su internet cerco ricette ben precise o con precisi ingredienti, c'è poco da sbagliare (e quel poco lo sbaglio). Ma scegliere una ricetta da un libro... tremavo solo al pensiero! Dopo il suggerimento di Alli, perciò, ho tirato fuori quel libro dal cassetto e ho cercato quella ricetta e mi sono buttata: non avevo mai fatto lo strudel di mele, perché non mi è mai piaciuta l'uvetta, ma ora non solo mi piace (anche con la carne o nelle insalate), ma sono anche più coraggiosa in cucina, soprattutto quando si tratta di qualcosa che piace al mio Alligatore e lui può giudicare meglio se la preparazione è riuscita o no. Infatti ha assaggiato per primo, come sempre. E ha apprezzato: perché c'era poca uvetta, che non gli piace (nei cereali ne erano rimaste una decina), perché la pasta non era pesante ma sottile e saporita (allungamento a mano riuscito!) e perché facendo il rotolo ho creato uno strato di pasta friabile fra due strati di mele.

*Insomma un successo che condivido con piacere con Laura del blog Alchimia che a maggio e giugno ospita il contest Di cucina in cucina, ideato da Barbara del blog Un giorno senza fretta, col tema La ricetta nel cassetto.


**La cucina delle Dolomiti di A. Kompatscher, tradotto da I. Dorner (1995), è il libro da cui ho preso la ricetta dello strudel di mele, i cui ingredienti originali per il ripieno sono:
2kg di mele Gravenstein oppure Boskop (mai sentite nominare)
150 gr di pangrattato
150 gr di burro + altri 100 gr per ungere la sfoglia (non vedo l'ora di affogare nel burro)
80-100 gr di zucchero
cannella
scorza di limone
50 gr di uva sultanina
50 gr di pinoli interi



Non è una ricetta estiva, certo, ma è questa estate?

37 commenti:

  1. Questa ricetta mi è piaciuta moltissimo!! La proverò sicuramente, io adoro le mele e anche la cannella!
    Un mesetto fa avevo tante mele e ho preparato una marmellata di mele profumata alla cannella ( ho fatto un post nel mio blog con la ricetta)e pensavo di utilizzarla per fare il tuo magnifico strudel.
    Grazie per aver condiviso la ricetta.
    Buona giornata
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesca! Verrò a leggere della marmellata, io ho provato a farla l'anno scorso ma mi è venuta troppo liquida e la cannella non si sentiva, chissà cos'ho sbagliato.
      Buona giornata, a presto.

      Elimina
  2. Hai estratto dal cassetto un'ottima ricetta! Lo strudel ha sempre il suo perché! Anch'io dovrei decidermi a farlo.
    Grazie di aver partecipato al contest.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto Laura? SOno proprio soddisfatta perché è una di quelle ricette che saltavo senza guardarla, pensando che fosse complicata, invece è stato divertente e quel cassetto adesso mi sembra meno spaventoso :D
      Buona giornata!

      Elimina
  3. Ricetta stupenda e foto accattivanti.....sei bravissima!!!!

    RispondiElimina
  4. Adoro i dolci con le mele e il tuo strudel ha un aspetto davvero troppo invitante e goloso, bravissima:)). Hai fatto benissimo a condividere la ricetta, estrapolata dal libro che vedo in foto alla quale hai apportato delle
    variazioni che a mio giudizio l'hanno migliorata
    ulteriormente:)).
    Un bacione e grazie mille per la condivisione:))
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Rosy, lo strudel era davvero buono, farò senz'altro il bis, visto che ho ancora un po' di mele!
      Buona giornata :)

      Elimina
  5. Confermo: è uscito molto bene (infatti è durato poco), e per questa stagione di piogge era perfetto. Ma adesso basta ... pioggia (strudel quando vuoi).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bis di strudel con gelato allora :)

      Elimina
  6. Amo moltissimo l'aggiunta della cannella nei dolci con le mele, lo strudel di solito lo faccio usando la pasta sfoglia, è una scorciatoia, prima o poi però, proverò con alti impasti.
    Io ho un cassetto stracolmo di riviste e libri di ricette, spero di riuscire a partecipare anch'io al contest, in ogni caso, faccio il tifo per te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo impasto è davvero facile, te lo dico io che mi incasino con niente! Questi contest sono una manna per smaltire un po' di cose in sospeso, approfittane ;)

      Elimina
  7. Ma è così buono, che importanza ha che non sia una ricetta estiva?
    Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, certe cose sono buone tutto l'anno.
      Un abbraccio :)

      Elimina
  8. Beh visto che ultimamente mi sto lanciando con i dolci .. perché non un bello strudel come si deve?
    Ti terrò aggiornata :D
    Felice serata.
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì Marina, provalo! E poi è una di quelle ricette in cui se non hai le mele... metti altra frutta :D

      Elimina
  9. Ecco stavo per scrivere che secondo me la buccia di limone è imprescindibile e che l'uvetta la metto a bagno nel cognac e non nell'acqua, d'altra parte ho imparato a farlo usando "la cucina delle dolomiti"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha allora non hai bisogno della parte finale del post per sapere cos'ho modificato :D

      Elimina
  10. Ciao ricambio con gioia la visita!
    Complimenti per questo delizioso strudel che trovo semplicemente perfetto! É sempre stato il mio cavallo di battaglia, ma io ho una mia ricetta esclusiva faccio le mele flambé! Mi hai fatto venire una voglia di mangiarlo...
    Grazie per aver condiviso questa splendida ricetta!
    Un caro abbraccio e felice giornata!
    Laura💚💛💖

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura, benvenuta nella Casa dello Spirito (che sono io).
      Io sono soddisfatta della mia prima volta con lo strudel, e sono sicura che lo farò ancora e magari un giorno, chissà, potrò dire anche io che è il mio cavallo di battaglia :D
      Buona giornata!

      Elimina
  11. Lo ADORO...a dire il vero adoro tutti i dolci con le mele, ma lo strudel ha un gusto solo suo!!!
    Bravissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se adori tutti i dolci con le mele sei avvantaggiata ;)
      Grazie grazie Mila.

      Elimina
  12. Ragazza, dammi un dolce alle mele e ti conquisterò il mondo! E lo strudel si, ho il coraggio di spararmelo anche a quaranta gradi all'ombra ^_^
    Un abbraccio
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora benvenuta Monica, nella Casa dello Spirito e nel club degli amanti dello strudel tutto l'anno ;)
      A presto.

      Elimina
  13. Hai ragione cara, il tuo dolce è perfetto per questa estate poca estate, anch'io sto ancora facendo torte da forno! E cosa ci dobbiamo fare???? Proprio come stiamo facendo noi! :-)
    detto questo...il tuo strudel è ottimo!!!
    unospicchiodimelone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da quest'anno il profumo di mele e cannella sarà associato all'estate ahahaha!
      Buona giornata Irene.

      Elimina
  14. adoro lo strudel e lo mangerei in ogni stagione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora serviti pure cara Linda :)

      Elimina
  15. Uh, buono, uno dei miei dolci preferiti (dopo la Sachertorte, ovviamente).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da quest'anno puoi avere tutt'e due, tutto l'anno, nella Casa dello Spirito :D

      Elimina
  16. Ma tu sei Elle, la "mia" Elle? E hai un nuovo blog e la ziaTerry non lo sapeva? Con me vai a nozze, adoro i dolci con le mele e con il tempo da schifo che sta facendo ti fai ancora scrupoli? Ci sta benissimo lo strudel ... veramente anche la sacher. vado avanti a curiosare in questa casa per capire se sei davvero tu. Vado ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, hai ragione Terry, niente più scrupoli, siamo tutte d'accordo: strudel e sacher tutto l'anno, e se arriverà il caldo vero li accompagneremo al gelato ;)

      Elimina
  17. Ps. No, non sei la "mia" Elle ma va bene lo stesso. Mi piace la tua casetta. A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avendo mai sentito nominare la ziaTerry (che sei tu), direi che io non sono la "tua" Elle, ma se per te va bene lo stesso non può che farmi piacere :)
      Buona giornata.

      Elimina
    2. Certo che va bene lo stesso! Vado a leggermi il post di oggi. Buon fine settimana intanto

      Elimina
  18. Adoro lo strudel in qualsiasi stagione, ottima idea di mettere i cereali, dev'essere buonissimo!
    Un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Gabry, i cereali ci stavano proprio bene!
      Un abbraccio.

      Elimina

Ciao, benvenuti nella Casa dello Spirito. Scrivete pure qua sopra/sotto il vostro commento o le vostre domande: le pubblicherò io più tardi. Se vi iscrivete ai commenti, vi avverto addirittura via mail.
Non preoccupatevi se non avete un account google: basta inserire l'url del vostro sito, o profilo fb, ig, pulcino, o quello che avete e il vostro nome. Anzi, voglio venirvi incontro: potete addirittura mettere solo il nome, se non avete un indirizzo o non vi va di esporvi così tanto. Comunque non preoccupatevi: sono uno spirito buono.
Buona permanenza nella Casa nella Palude
Elle, il vostro spirito di fiducia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...